Sulla percezione di se stessi e delle altre persone

La parola latina “communicare” (comunicare) deriva da “communis”, che a sua volta significa “fare qualcosa di comune” e “comunicare qualcosa”. Quindi comunicare con altre persone porta a creare qualcosa come risultato della cooperazione e della comprensione.

Sulla percezione di se stessi e delle altre persone

Percepire una persona significa, quindi, percepire la sua interezza come persona definita dallo spirito. Ciò è possibile solo quando entro spontaneamente in relazione con l’altro, quando lui diventa per me una presenza. (Martin Buber)

La comunicazione è un processo che influenza chi siamo. C’è una relazione tra la qualità della comunicazione e la qualità della vita, tra come parli e ascolti e chi sei. (John Stewart)

Attualmente, i fenomeni che sono brevemente indicati come globalizzazione stanno diventando sempre più dominanti nel mondo. Influiscono fortemente sia sull’ambiente naturale che sulle relazioni umane. L’impatto è generalmente considerato sfavorevole. Ecco perché sovente si dice che dovremmo iniziare a percepire il mondo che ci circonda e le altre persone in modo diverso, e non trattare tutto solo come fonte di soddisfazione dei nostri bisogni. Da qui il concetto di mantenere un alto grado di consapevolezza nelle relazioni con il mondo esterno. Nel caso dei rapporti con le persone, significa una maggiore attenzione ai loro bisogni. Sembra quasi ovvio che questo modo di vedere richieda di elevare la consapevolezza a un livello leggermente più alto, il livello della piena attenzione.

Questa necessità di essere più attenti – sia verso l’ambiente che verso le persone – sembra diventare negli ultimi tempi sempre più urgente. Si può notare che è crescente la tendenza a percepire le altre persone solo come oggetti, quasi “robot”, per soddisfare le proprie aspettative. Tale “trattamento” si manifesta principalmente nella comunicazione interpersonale diretta e provoca il degrado sia degli individui che di interi gruppi sociali.

A sua volta, la suddetta consapevolezza e attenzione ai bisogni degli altri, fa maturare in noi un certo aspetto, spesso chiamato anima, grazie al quale si arricchisce sia il nostro stato interiore che le relazioni sociali. 

Il concetto di anima è inteso in molti modi diversi, ma è quasi sempre considerato con una certa serietà anche da persone che vengono definite “non credenti”. Si può credere o meno nell’esistenza o nell’immortalità dell’anima, ma è difficile evitare riferimenti a questo concetto nel linguaggio quotidiano, soprattutto quando si inizia a parlare della necessità di un modo diverso e migliore di percepire il nostro ambiente quotidiano. In molte culture si crede tradizionalmente che l’anima sia un luogo in cui è possibile un contatto più completo tra le persone.

Jan van Rijckenborgh nel suo libro La Gnosi nella sua Manifestazione Attuale afferma: L’anima ha cinque fluidi o aspetti: il sangue, il fluido ormonale, il fluido nervoso, il fuoco del serpente e la coscienza. Da ciò potete notare che anima e corpo non sono separati. Voi non potete dire: qui è l’anima e là è il corpo. L’anima e il corpo sono strettamente connessi, scorrono, per così dire, l’uno nell’altro. I fluidi dell’anima sono al tempo stesso aspetti del corpo.

Max Heindel in Cosmogonia dei Rosacroce (Cap. XVI, sottosezione: Alchimia e crescita dell’anima) scrive: L’anima cosciente cresce mediante l’azione, gli impatti esterni e l’esperienza. L’anima emotiva cresce dai sentimenti e dalle emozioni generate da azioni ed esperienze. L’Anima Intellettuale, come mediatrice tra le altre due, cresce attraverso l’esercizio della memoria, attraverso il quale lega tra loro le esperienze passate e presenti e i sentimenti che ne derivano, creando così “simpatia” e “antipatia”, che non potrebbero esistere senza la memoria, perché i sentimenti derivanti dalla sola esperienza sarebbero evanescenti.

Durante l’involuzione lo spirito è progredito facendo crescere i corpi, ma l’evoluzione dipende dalla crescita dell’anima, la trasmutazione dei corpi in anima. L’anima è, per così dire, la quintessenza, il potere o la forza del corpo, e quando un corpo è stato completamente costruito e portato alla perfezione attraverso gli stadi e i periodi sopra descritti, l’anima ne è completamente estratta ed è assorbita da uno dei tre aspetti dello spirito.

Non spiegheremo i termini usati in queste citazioni e i lettori interessati sono invitati a cercare spiegazioni appropriate nei libri citati. Possiamo dire però che l’anima è considerata come qualcosa che ci accompagna costantemente nei nostri rapporti con l’ambiente ed è una sorta di intermediaria nei contatti con la dimensione più sottile del mondo, la dimensione spirituale. Il giusto tipo di queste relazioni provoca il corretto sviluppo dell’anima, e quindi migliora il nostro contatto con la sfera spirituale.

Sembra ovvio che la giusta qualità dei nostri contatti con le altre persone sia molto importante. Già nella Bibbia possiamo trovare esortazioni a trattare gli altri come noi stessi, e quindi con grande attenzione. Ciò significa che non dovremmo vedere le altre persone semplicemente come oggetti, come immagini bidimensionali. Dovremmo stabilire relazioni più mature con loro, anche quando sono molto unilaterali, quando non c’è reciprocità.

La conversazione è uno degli strumenti più importanti nei rapporti con le altre persone; ci permette di conoscerli meglio, ed è quindi anche uno strumento che ci permette di percepirli in modo più completo. Tuttavia, le altre persone dovrebbero essere viste non solo come fonte di informazioni, ma anche come creatori. A volte parlare con gli altri può ridursi allo scambio di alcune frasi comuni o schemi di conversazione, ma si dovrebbe sempre prestare attenzione a un livello diverso, più alto e più sottile di ciascuno di questi contatti, anche quando non è espresso verbalmente. Ricordiamo nota citazione biblica: “Poiché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono là in mezzo a loro”. (Mt 18:20)

L’attenzione verso le altre persone può diventare la chiave per stabilire una cooperazione con loro su questo importante livello di stare insieme, e quindi anche un modo per creare nuove opportunità per se stessi. Pertanto, va tenuto presente che l’altra persona è il soggetto, un essere speciale, non solo un oggetto. Vale la pena cercare di essere consapevoli che ogni persona è unica, non misurabile; e non importa se sembra buona o cattiva. Perché ognuno è più di una combinazione di caratteristiche ed elementi osservabili e misurabili. Percepire le persone in questo modo è molto importante.

Quando parliamo, prendiamo coscienza non solo di ciò che ci circonda o dello stato dell’interlocutore, ma anche della nostra stessa coscienza, cioè dell’anima, perché in ogni situazione, in ogni momento della vita, abbiamo tempo per pensare e scegliere il comportamento corretto, l’atteggiamento emotivo, l’intenzione e le parole. Possiamo quindi prendere in considerazione consapevolmente percezioni, sentimenti e desideri nostri e degli altri. Non reagiamo immediatamente e istintivamente. Le nostre parole non devono essere il risultato di reazioni abituali e automatiche; possiamo sempre cercare di renderle una risposta creata con cura.

Sembra tutto così bello, ma spesso la persona che incontriamo si comporta in un modo che si scontra con le nostre intenzioni, impedendoci di portare a termine il nostro “piano molto importante”. Perché anche lei/lui ha un “piano” e a volte si scontra con il nostro. Allora è facile entrare in una situazione di conflitto in cui ci dimentichiamo della soggettività di questa persona. Perché, di proposito o meno, diventa difficile per noi raggiungere i nostri obiettivi. Sappiamo che le persone non devono fare tutto ciò che ci si aspetta da loro, ma perché questa persona rovina ciò che abbiamo realizzato con tanta difficoltà? Perché ci impedisce di occuparci di ciò che è così importante?

 

 

 

 

 

 

 

Ma forse non è così importante. Forse non è affatto importante. Forse è addirittura dannoso, perché rende difficile per noi o per altri un cambiamento, per il quale è giunto il momento.

Tendiamo a pensare che la persona che incontriamo possa imparare alcune cose da noi. Ma forse non ha bisogno di imparare queste cose. Forse incontriamo questa persona per scoprire che le cose che consideriamo così importanti in realtà non sono più necessarie. Perché l’altra persona se la cava benissimo senza di loro.

Come possiamo vedere, la flessibilità nel cercare un accordo e nel prestare attenzione agli altri è estremamente importante. Va ricordato che tendiamo naturalmente ad esigere comprensione principalmente per noi stessi e rispetto per la nostra soggettività.

Possiamo, tuttavia, assicurarci questa comprensione e soggettività per noi stessi; non dobbiamo cercarle dagli altri. E se rispettiamo e ci fidiamo di noi stessi, offriremo questi sentimenti anche all’interlocutore. In questo modo contribuiamo alla “crescita” dell’altro, perché il contatto armonioso dà la possibilità di uno sviluppo consapevole sia di noi stessi che dei nostri interlocutori.

Lo sviluppo così inteso deve, da un lato, riguardare diverse capacità, abilità e attitudini verso il mondo circostante, costruite sulla base di informazioni ricevute dall’esterno. D’altra parte, si impara che il nostro autentico “io” può essere espresso in simboli linguistici e non linguistici. Se accettiamo e ci sentiamo accettati, allora il nostro senso di sicurezza si rafforza e si formano i sentimenti di valore e dignità personali. Sono presupposti essenziali per l’efficacia di qualsiasi attività.

Parlando, possiamo sperimentare consapevolmente il CONTATTO e le PERSONE sia a livello del corpo materiale sia a vari livelli non materiali. Possiamo sentire che “qualcosa” sta accadendo tra noi e i nostri interlocutori e questo ci cambia interiormente. Notate che siamo diversi dopo ogni conversazione. Godiamoci questa opportunità per costruire un CONTATTO con altre persone condividendo ciò che abbiamo con loro: descrivere il mondo, trasmettere pensieri, esprimere tristezza, gioia, dolore e questo desiderio intangibile per un’altra dimensione più sottile del mondo.

Apriamoci all’alterità, cerchiamo di ascoltare con più attenzione e di non percepire le persone solo attraverso le nostre aspettative. Cerchiamo la Luce nei nostri cuori e nei cuori degli altri esseri umani. E lasciamo che la conversazione sia uno dei nostri strumenti di ricerca. Perché i termini: “comunicazione” e “comunicare” derivano dall’aggettivo latino “communis”, che a sua volta significa “fare qualcosa di comune, comunicare qualcosa”. Quindi comunicare con altre persone porta a creare qualcosa insieme come risultato della cooperazione e della comprensione.

Infine, aggiungiamo che possiamo comunicare non solo con altre persone. Possiamo anche contattare il nostro essere interiore e iniziare così a percepirlo più pienamente. Ecco perché a volte vale la pena staccarsi dalla lotta del mondo esterno – su cui comunque abbiamo poca influenza – e dirigere il nostro sguardo interiore verso l’alto, dove è costantemente atteso, e poter così stabilire una conversazione interiore con noi stessi.

Condividi questo articolo

Informazioni sull'articolo

Data: Febbraio 26, 2022
Autore / Autrice : Ewa and Janusz Brzdęk (Poland)

Immagine in evidenz: