Digilog

Analogico contro digitale; un dilemma che mi intriga.

Digilog

Capita che un certo concetto ti incuriosisca, che ti tenga incessantemente impegnato. Così impegnato che non puoi lasciarlo andare? Succede anche a me. Per essere esatti, ho questo problema con il concetto di analogico e digitale. Forse non ti interessa. Quindi potresti smettere di leggere e passare all’articolo successivo. Sono un tecnico e il mio primo ricordo della parola risale agli anni in cui improvvisamente apparve la telefonia digitale. Fino a quel momento il servizio telefonico era analogico. Questo articolo non riguarda i telefoni, ma il fatto che la telefonia – parlare a distanza – può essere realizzata in due modi: analogico o digitale. Naturalmente sapevo già da tempo che analogico significa “simile a”, ovvero costante, senza gradini, armonico. Il digitale, al contrario, va per gradi. Per dirla senza mezzi termini, va a singhiozzo, bruscamente, in modo disarmonico. A titolo di esempio, il trasferimento dal nero al bianco può essere analogico o digitale. Questa illustrazione mostra cosa intendo.

Digilog

 

 

 

 

 

Non so perché, ma mi chiedo sempre cosa sia meglio? Analogico, quindi graduale, o digitale, cioè all’improvviso? In natura tutto procede gradualmente, ci sono solo linee curve e nessun angolo retto, cosa che le persone amano fare, soprattutto i tecnici. E pensare che una persona non può nemmeno disegnare una linea retta o un quadrato perfetto senza usare un righello. Chi è in grado di disegnare a mano libera un cerchio esattamente circolare, per non parlare di un pentagono equilatero? L’analogico è molto più antico del digitale; anche nella tecnologia. Un orologio, un termometro, un barometro, hanno tutti messo le mani quando l’uomo è stato coinvolto. È rimasto così per secoli. Fino a quando sono apparsi i numeri, allora le sei con una mano rivolta verso il basso e l’altra rivolta verso l’alto sono diventate improvvisamente le 6:00:00. Se guardi l’analogico e il digitale come la scalata di una montagna, potresti rappresentarli schematicamente come nella figura qui sotto.

blank

 

 

 

blank

 

 

Se vuoi decidere da solo quanto grandi sono i passi che fai, potresti chiamarlo analogico. Se prendi le scale, il costruttore ha già deciso quanto sono grandi i tuoi gradini. L’analogico sembra essere più naturale e non sei dipendente da ciò che qualcun altro ha pensato per te. Potresti anche vedere il cammino nella scuola della Rosacroce in questo modo? Non riesco a decidere cosa sia meglio. A volte l’analogico è più piacevole, perché è più graduale. In altri momenti il digitale sembra essere più elevato, perché, in effetti, è “tutto o niente”. Il cambiamento è sempre cruciale. Cambia tra bianco e nero, tra alto e basso, tra zero e uno, tra niente e tutto.

I cambiamenti indicano differenze, contraddizioni. Forse dovrei abbandonare il pensiero delle differenze, e quindi non dovrei più scegliere tra analogico e digitale. Quindi non più zero e uno. C’è solo lo zero, il cerchio che racchiude tutto. Il cerchio la cui circonferenza non è da nessuna parte e il centro è ovunque. E poi si passa dall’immagine di un cerchio a una spirale. Un cerchio è una bella immagine, ma in un certo senso è chiuso, senza ingresso né uscita, mentre una spirale è sempre aperta. Se cammini per la tua strada con mente e cuore aperti è come seguire un percorso a spirale. Concetti come analogico e digitale cadono nel dimenticatoio. Un percorso a spirale ti porta simultaneamente al centro di ogni cosa e all’incommensurabile grandezza che è tutt’uno con esso.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi questo articolo

Informazioni sull'articolo

Data: Gennaio 15, 2021
Autore / Autrice : Watcher (Netherlands)

Immagine in evidenz: