Specchio del cielo

Nel museo de Pont, un ex filatoio di lana a Tilburg, in Olanda, si trovano diverse opere d'arte del famoso artista Anish Kapoor. Il suo lavoro mette ciò che pensi di vedere in una direzione diversa. Sembra voler dire: non credere sempre ai tuoi occhi. Ciò che il tuo cervello pensa è solo una parte della realtà. L'artista ti accompagna in un'avventura che influenza l'osservazione. Ma guardare non è marginale. Ha un effetto su di te, mette in moto i tuoi pensieri. Il suo lavoro può evocare in te esperienze che trascendono quelle puramente sensoriali.

Specchio del cielo

In due spazi adiacenti del museo, un tempo due spazi per la lana, si vede, come dice lo stesso Kapoor, il vuoto in due forme diverse. Nel primo spazio è presente una forma rotonda e piatta sul pavimento. È un cerchio di circa 60 cm di diametro. Tuttavia, è davvero una superficie piana? Da vicino ti rendi conto che quella che sembra essere sul pavimento è in realtà una cavità oscura, che prende il suo colore dallo spazio sferico sotto il pavimento, così scuro che non se ne percepisce la profondità.

I tuoi occhi scendono nell’abisso delle tenebre. ‘Descent into Limbo’, discesa nel Limbo, come dice il titolo. Un buco nero come simbolo di un futuro sconosciuto? O come un vuoto silenzioso che contiene ancora tante opportunità? Quando ci si avvicina all’opera d’arte si è avvertiti di non avvicinarsi troppo e di non calpestarla. Potresti caderci dentro. Questa incertezza penetra anche lo spazio adiacente. Pensi di essere davanti a una porta nera chiusa a chiave, ma quando i tuoi occhi si abituano all’oscurità, scopri uno spazio buio e vuoto “dietro la porta”. Kapoor ha trattato quello spazio con un pigmento blu scuro. Mentre continui a guardare e ti abitui alla luce fioca, una sfera blu fluttuante si profila lentamente e, sebbene visibile, sembra tuttavia immateriale. L’oscurità sembra non essere solo oscurità. Il vuoto mostra una pienezza inaspettata.

 

 

E cosa pensare di quell’enorme specchio concavo-convesso autoportante nel museo: ‘Vertigo’,

in cui vedi te stesso e l’ambiente circostante capovolti e distorti. Come spettatore sei inghiottito da uno spazio che ha perso la sua stabilità.

La tua immagine nello specchio è riflessa a grandezza naturale, le pareti si piegano e si inclinano.

Non è solo l’occhio, ma tutto il tuo corpo ad essere coinvolto nell’opera d’arte. Poiché non ti muovi, entri in relazione con l’opera d’arte. Vedo quello che non mi aspetto affatto di vedere. L’opera ‘Sky Mirror’ alta 6,5 metri, si trova sul piazzale del museo di Tilburg.

L’opera d’arte è inclinata all’indietro e si curva dal basso verso l’alto in modo che la parte superiore sia ruotata di 30 gradi rispetto alla base. La parte anteriore è specchiante, la parte posteriore è ruvida. Il vento influenza la scultura, si muove leggermente. In questo specchio del cielo vediamo passare nuvole fluttuanti.

Gli “Sky Mirrors” di Kapoor si trovano in diversi luoghi del mondo. Sono enormi superfici curve riflettenti in acciaio inossidabile, tutte di forma diversa.

Turning the World Upside Down’, a Gerusalemme, è alto 5 metri e ha la forma di una clessidra.

‘The Cloud Gate’, l’attrazione nel Millennium Park di Chicago, è alto 13 metri e ha la forma di un fagiolo. Ecco perché è anche chiamato “The Bean”. La superficie specchiante, come uno spettacolo di mercurio liquido, mostra lo skyline di Chicago in un’immagine distorta e contorta e sopra di essa le nuvole in continuo cambiamento. Ma quando si cammina sotto l’arco di “The Bean”, si riconosce il proprio riflesso ovunque. Essere coinvolti nell’opera d’arte è un’esperienza molto intensa. Partecipi a ciò che sta mostrando il cielo specchiante.

Lo “Sky Mirror” di Tilburg è tradizionalmente olandese per la sua forma rettangolare, che ricorda la vela di un mulino a vento e per i suoi mutevoli cieli nuvolosi che, a seconda del tempo, scivolano a rotta di collo sulla parete a specchio.

Con i suoi specchi nel cielo, Kapoor porta il paradiso in terra e la terra in paradiso. Queste superfici lucide in acciaio inossidabile mi guardano. Riflettono il mio mondo. I miei pensieri prendono il volo.

Non riesco a vedere la mia faccia, a meno che non usi uno specchio. Grazie alla riflessione, imparo a conoscere me stesso. L’altro è uno specchio per me. A volte mi conoscono meglio di quanto io conosca me stesso. Mi specchio negli altri. Gli occhi sono gli specchi dell’anima. Rivelano ciò che sembra nascosto. Guardarsi negli occhi connette. Il mondo è uno specchio. Mostra le scelte che sono state fatte.

Vedo le sofferenze e i danni che l’uomo infligge a se stesso, agli animali e alla natura, e il risveglio di nuove possibilità che testimoniano una coscienza focalizzata sul vivere in armonia con tutto ciò che è.

Come persona che cerca, mi rispecchio nelle parole di saggezza: “’Nato da Dio”. Porto in me un mondo sconosciuto, un universo divino che può dispiegarsi.

Come in alto, così in basso. 

La consapevolezza e il riconoscimento di essere un intero piccolo universo in sé, un microcosmo, come afferma la saggezza universale, mi fa guardare me stesso e gli altri in modo diverso. La vita in basso potrebbe essere in fondo una somiglianza, un riflesso di ciò che è in alto. In che misura ciò corrisponde a quello che vedo intorno a me?

In verità: in quanti specchi mi rifletto giornalmente? Appaiono sempre al momento giusto.

Ne sono circondato. Immagino di camminare sotto l’arco di “The Bean”, guardando in alto tutto ciò che si può vedere, e mi soffermo sulle parole dello scrittore libanese Mickail Naimy:

Pensate come se ogni vostro pensiero fosse impresso in lettere di fuoco nel cielo perché tutti e tutto possano vederlo. Poiché così in verità accade.

Parlate come se il mondo intero non fosse altro che un singolo orecchio intento ad ascoltare ciò che dite. Poiché così in verità è.

Agite come se ogni vostra azione dovesse ricadere sulle vostre teste. Poiché così in realtà succede. [1]

 

Tutto ciò che penso, tutto ciò che noi esseri umani pensiamo, sentiamo e facciamo, è catturato in un ampio campo di forze riflessivo. Formiamo nuvole di pensieri e sentimenti, di vario genere, di amore e amicizia, di rabbia e avidità, di paura, vendetta, gelosia, bellezza, compassione.

Le nuvole di “Sky Mirror” fluttuano e scompaiono, ma anche le nuvole dei pensieri stanno facendo qualcosa. Riflettono tutto ciò che ho inciso nel firmamento.

I pensieri indugiano. Pensieri dello stesso tipo si uniscono e diventano così più potenti. Queste immagini pensiero vogliono continuare ad esistere. Riflettono non solo ciò che viene da me, ma contengono anche e restituiscono tutto ciò che è stato raccolto come potere.

In questo modo, senza che lo vogliamo e lo capiamo, un pensiero può dominarci.

Questo fa sì che le persone facciano le cose più orribili. Tuttavia, come scrive Kahlil Gibran (un amico di Mickail Naimy):

Proprio come una singola foglia non ingiallisce senza la silenziosa conoscenza dell’intero albero, così anche il malfattore non può fare del male senza la volontà nascosta di tutti voi. Come in una processione, marciate insieme verso l’io divino. [2]

 

Partecipo alla malvagità del mondo. Ogni pensiero in me può molestare qualcun altro.

Come un boomerang, lo specchio del cielo riflette le conseguenze dei nostri pensieri. Ma non per ostacolarci. Abbiamo bisogno di specchi! Non ci portano la comprensione necessaria delle forze che noi stessi scateniamo? Per poter eventualmente agire diversamente?

Questo campo complicato di forze attive invisibili, di immagini simili a nuvole, è anche chiamato “sfera riflettrice”. La metà invisibile di questo mondo. Solitamente questa sfera riflettrice è associata all’area in cui si recano i defunti, come dominio temporaneo in cui avviene il processo di morte e reincarnazione.

Quando vedo gli specchi di Kapoor, penso che la sfera riflettrice è molto più ampia di quanto spesso mi renda conto: è il riflesso di epoche passate e di tutto ciò che ora pensiamo, viviamo e siamo.

Quindi può essere coercitivo fare cose di cui poi mi pentirò. Mi dicono: stai fermo, guarda cosa succede, stai vicino a chi sei veramente nel tuo essere interiore.

 

Biografia:

Anish Kapoor è nato a Bombay, in India, dove ha studiato alla Doon School di Dehra Dun. Nel 1972 è emigrato in Inghilterra e successivamente ha studiato all’Hornsey College of Art e alla Chelsea School of Art and Design. Ha ottenuto fama mondiale durante la Biennale di Venezia nel 1990. Nel 1991 è stato insignito del Turner Prize. Oggi è uno degli artisti più ricercati a livello internazionale. Lavora a Londra ma visita regolarmente l’India.

Le opere di Kapoor si trovano nei musei di tutto il mondo, tra cui il Museum of Modern Art di New York, la Tate Modern di Londra, nella collezione della Fondazione Prada di Milano, la Art Gallery of New South Wales di Sydney, il Guggenheim Museum di Bilbao, il Moderna Museet di Stoccolma, il 21st Century Museum of Contemporary Art, Kanazawa in Giappone, il Israel Museum a Gerusalemme e il Museum de Pont a Tilburg, Olanda.

 


Fonti:

[1] Mikhail Naimy, Il Libro di Mirdad, Edizioni Mediterranee, 1992

[2] Kahlil Gibran, Il Profeta, Edizioni Del Baldo, 2009

Print Friendly, PDF & Email

Condividi questo articolo

Informazioni sull'articolo

Data: Maggio 30, 2022
Autore / Autrice : Ankie Hettema-Pieterse (Netherlands)
Photo: Anish Kapoor CCO

Immagine in evidenz: