Il Nuovo Oro: strade verso la realtà

Guardare oltre il confine, insieme

Il Nuovo Oro: strade verso la realtà

Forse lo senti anche tu: sembra che ci sia crisi a tutti i livelli possibili e stiamo raggiungendo dei limiti. Politicamente, su scala globale e nel tuo paese, socialmente nella tua provincia e nella tua città, a livello umano intorno a te e dentro di te. Lotta tra paesi e lotta nel tuo cuore.

L’edilizia residenziale inciampa sui regolamenti, ma anche sulla partecipazione comprensibile dei residenti (di quartiere) e ci sono molte persone che non riescono a trovare un alloggio a prezzi accessibili. Il decreto azoto frustra la nostra agricoltura e, allo stesso tempo, la natura sta attraversando un momento difficile a causa di anni di eccessive emissioni di azoto. Vediamo grandi ingiustizie, in Olanda o in altri paesi, ma sembriamo vincolati e non interveniamo. Tutto tiene tutto in pugno. Noi, umani su questo globo, corriamo da un incidente all’altro e raramente siamo in vantaggio. Nella complessa realtà odierna, quella che sembra essere una soluzione è spesso allo stesso tempo la causa di un nuovo problema. Devi ammettere che il modo in cui ora viviamo (insieme) e ci relazioniamo con la terra è insostenibile.

Gli esseri umani sembrano essere la causa di tutti questi problemi; potremmo essere parte della soluzione? Questa domanda è stata la base di un processo che tre gruppi spirituali, Antroposofi, Teosofi e Rosacroce, hanno avviato insieme per un senso di urgenza di far sentire una voce diversa sulle soluzioni che la società sta febbrilmente cercando.

Abbiamo parlato con Pim Blomaard della Società Antroposofica nei Paesi Bassi, Arend Heijbroek della Società Teosofica dei Paesi Bassi e Hannie te Grotenhuis della Fondazione Rozenkruis della loro iniziativa “Il Nuovo Oro”.

Intervista

State organizzando una Conferenza per il 3 settembre dal titolo “‘Il Nuovo Oro: strade verso la realtà”. Cosa potete dirmi a riguardo?

Partiamo da un interesse spirituale. Abbiamo questo in comune. Ciò si riflette negli incontri che abbiamo avuto finora, e anche in alcuni contributi sostanziali.

Il giorno che abbiamo in mente è per le persone che lottano con ciò che vedono accadere intorno a loro nel mondo. Cosa significa tutto questo, si chiedono, e cosa significa per me? Perché sono nato in un periodo così complesso?

In quella conferenza proponiamo temi interessanti, in cui vogliamo con forza facilitare la conversazione tra tutti i partecipanti. Ogni partecipante è una parte preziosa, e ognuno può dare il proprio contributo. Crediamo che il nuovo oro sia in tutti i partecipanti e nello scambio tra loro.

Non è la prima volta che Antroposofi, Teosofi e Rosacroce organizzano qualcosa insieme, vero?

Giusto. Nel 2009 si è svolta una grande conferenza, durante la quale nove movimenti spirituali hanno tenuto una conferenza sull’esoterismo in Olanda e su come quei gruppi avessero qualcosa in comune.

Così abbiamo organizzato una conferenza alcuni anni fa ed è stato bello, ma non ha avuto un seguito. Allora perché ci ritroviamo dopo tanti anni?

C’è stato sicuramente un seguito. I Sufi hanno organizzato una giornata simile all’Aia. E in questo momento c’è una mostra nella Casa con le Teste, L’Ambasciata della Mente Libera, in cui cinque movimenti parlano del loro rapporto con i manifesti rosacrociani del Seicento. E anche a livello personale, vari membri dei nove movimenti sono rimasti in contatto tra loro. Ai simposi e alle riunioni, ci siamo impegnati a parlare quando sapevamo un po’ di più su un certo tema. Dopotutto, ci sono molti argomenti comuni. E proprio quando il mondo si è fermato, questo ci ha dato una spinta in più per elaborare una riflessione in un modo diverso.

Antroposofi, Teosofi e Rosacroce si sono incontrati più intensamente. Prima in piccoli gruppi e poi con una trentina di membri dei nostri gruppi spirituali. Ci siamo chiesti: possiamo produrre un suono alternativo in un momento in cui i problemi sembrano irrisolvibili? Abbiamo formato un piccolo gruppo di rappresentanti di questi tre movimenti e abbiamo avviato insieme un processo. Siamo partiti!

Verso dove e per quale scopo?

Abbiamo dovuto iniziare online ovviamente, perché eravamo nel mezzo della pandemia, ma abbiamo anche avviato un progetto di scrittura. Questo era già estrazione dell’oro spirituale! Quelle lettere erano fantastiche, le persone mostravano ciò che li muoveva spiritualmente, misticamente, sullo sfondo dei problemi del mondo che stavano vivendo.

Anche le conversazioni: aperte, di ricerca, di commozione: cosa hanno veramente da offrire i nostri gruppi spirituali in questo momento di confusione?

E ne esce una cosa così speciale. La cosa grandiosa è ovviamente che Antroposofi, Teosofi e Rosacrociani attingono in gran parte dalla stessa fonte di saggezza universale, veniamo dalla stessa tradizione secolare. In passato, l’enfasi era principalmente sulle differenze, ora si scopre che abbiamo molte somiglianze. E ovunque ci aspetta l’oro spirituale!

Ovviamente ognuno di noi può organizzare una conferenza in autonomia, ma facendolo insieme creiamo qualcosa di nuovo. Venendo da quella tradizione, è particolarmente importante che ci concentriamo sul qui e ora. Non vogliamo guardare oltre quella conferenza. Quello verrà dopo.

Quali sono le somiglianze tra le tre correnti, quella Fonte Primaria?

I Teosofi cercano l’universale dietro le tradizioni di saggezza dell’Oriente e dell’Occidente, vogliono servire l’umanità attraverso una trasformazione interiore che può essere raggiunta attraverso lo studio, la meditazione e il servizio, e tutto da una libertà di pensiero senza dogmi. Gli Antroposofi hanno esperienza di come tenere conto dei diversi strati della realtà nella pratica della vita e di come si possono vedere i retroscena spirituali del cristianesimo. I Rosacroce cercano il rimedio universale, che si trova nell’alchimia, la trasformazione in un’anima imperitura. La Fonte Primaria è vista dai Rosacroce come il centro da cui tutto vive e ha origine, al quale siamo indissolubilmente legati, anche se non ne siamo (ancora) consapevoli.

Ci sono parole in cui non tutte le correnti si riconoscono, ma ciò che ci unisce è che tutti cerchiamo la verità dietro i fenomeni. Quella verità è trasparente, impossibile da afferrare con il nostro pensiero. Solo da un certo silenzio interiore possiamo aprirci a quella verità universale e riconoscerla. I nostri movimenti hanno anche in comune il fatto che perseguiamo un percorso di sviluppo spirituale non solo per noi stessi ma anche per il mondo e per aiutarci a vicenda in quel percorso che porta a una maggiore consapevolezza della coerenza nel mondo. Alcune persone ci hanno già preceduto su questa strada e ci aiutano a proseguire.

Tutti e tre i movimenti sono nella tradizione gnostica, in cui la conoscenza interiore è importante. Tuttavia, ciò che è confluito in correnti diverse, ha assunto forme diverse. Ma vogliamo sottolineare che in ogni bel campo ci sono diversi tipi di fiori!

Quale risposta hai trovato alla domanda che ti sei posto: cosa hanno da offrire le nostre tradizioni spirituali in questo periodo di confusione?

Quello che offriamo è un percorso per lo sviluppo della coscienza fondamentale. L’uomo è un essere con un aspetto materiale e uno spirituale. Questi sono uniti, è l’unità fondamentale dell’esistenza. Le sfide nella società sono il risultato delle sfide nella coscienza umana: l’eccessivo materialismo, l’isolamento reciproco, la paura, l’incertezza e i giudizi. Se i problemi sorgono dalla coscienza dell’uomo, allora secondo noi una trasformazione della nostra coscienza potrebbe essere la soluzione.

A volte pensi quasi che il mondo starebbe meglio senza le persone, perché portiamo così tanto squilibrio in questo mondo (materiale). Ma senza l’uomo il mondo non ha senso; L’uomo porta con sé la promessa di uno sviluppo futuro che è essenziale per il mondo intero.

Come Antroposofi, Teosofi e Rosacrociani siamo cercatori dell’unico Spirito dietro tutti i fenomeni. E quello Spirito è un’immagine ideale dorata che guida la creazione. Non c’è nulla al di fuori dell’unità fondamentale e pensiamo che sia compito dell’uomo prenderne coscienza. Il nostro cammino verso la consapevolezza della nostra vera natura – che è spirituale – è un processo di trasformazione interiore.

A cosa fa riferimento il titolo del programma: Il Nuovo Oro, strade verso la realtà?

“Il nuovo oro” è anche usato come termine per bitcoin, dati e caffè. Ma per noi “il nuovo oro” si crea nello spazio tra le persone. Lì si svolge un processo alchemico. In quello spazio si costruisce qualcosa insieme. Lo vediamo davvero come nostro compito. Facendolo insieme, daremo a questa giornata più importanza e urgenza. Collaborazione, connessione e unità sono la soluzione alle controversie del nostro tempo.

Alla conferenza creiamo nuovo oro, insieme e tra le persone. Ma anche se non siete presenti a quella conferenza, potete “creare oro”. Ovvero: incontrando persone, suscitando meraviglia e ascoltando gli altri.

Superate i vostri confini e vedete se riuscite a diffondere e trasmettere quella visione in piccolo o leggermente più in grande. Riguarda la coscienza e la trasformazione, potete parlarne in molti modi. Sarete sorpresi di quante persone ci stanno lavorando in un modo o nell’altro.

Biografie:

Hannie te Grotenhuis è una Rosacroce, sociologa e team coach. Non vede l’ora che arrivi la conferenza “Il Nuovo Oro”, perché in tre si possono riunire persone che non si potrebbero mai riunire da sole. È molto curiosa di sapere cosa produrrà.

“Ogni generazione deve conquistare il proprio posto nel tempo e nelle circostanze, ma quello che possiamo fare è essere esempi ispiratori, persone piene di sentimento che vedono cose buone in ogni cosa e in tutti e conducono la vita con attenzione e amore. Spero che durante la conferenza molte persone scopriranno l’atmosfera silenziosa o lo spazio dentro di sé in cui si è liberi, pacifici, in armonia e felici. Possano tutti trovare la porta di una vita in cui i grandi segreti di Dio, del cosmo e dell’uomo si rivelano”.

Pim Blomaard è un Antroposofo, filosofo e regista che si concentra sul significato e sui valori. Crede che questa conferenza, “Il Nuovo Oro” possa offrire una nuova prospettiva perché non vuoi perderti nel grande mondo della spiritualità, e allo stesso tempo vuoi migliorare la pratica quotidiana in modo spirituale.

“Il mio sogno è che un movimento più grande nasca da correnti spirituali che si influenzano le une con le altre, che c’è più della materia e che tutti i nostri problemi hanno bisogno di un approccio integrato che contenga anche prospettive spirituali”.

Arend Heijbroek è un Teosofo e, tra l’altro, autore del libro Teosofia, saggezza eterna per il nostro tempo. Presume che la meraviglia sia l’ingresso alla saggezza. Per lui il convegno “Il Nuovo Oro” significa entrare in contatto con gli altri, vedersi e conoscersi meglio.

“Il nostro contributo per il futuro è che, da un lato, dimostriamo che le organizzazioni possono ispirarsi reciprocamente. Insieme vogliamo creare qualcosa di bello e allo stesso tempo mantenere la nostra identità. Vogliamo essere un esempio in un momento in cui le differenze sono amplificate. Mostriamo che c’è un percorso diverso e che ci sono vari modi. Il mio sogno è aiutare le persone a vedere che la vita è molto diversa dalla vita materialistica esteriore. La vera pace e felicità si possono trovare solo attraverso la trasformazione interiore.”

Condividi questo articolo

Informazioni sull'articolo

Data: Ottobre 31, 2022
Autore / Autrice : Ansfrida Vreeburg (Netherlands)
Photo: Daniel Curran on Unsplash CCO

Immagine in evidenz: